#ineuropaconfurore

Invito a presentare proposte per la MAP Trasporti 2020 del CEF

The 2020 CEF Transport MAP call for proposals

Titolo:
The 2020 CEF Transport MAP call for proposals
Invito a presentare proposte per la MAP Trasporti 2020 del CEF
Ente finanziatore:
Commissione europea
INEA – INNOVATION AND NETWORKS EXECUTIVE AGENCY
Obiettivi ed impatto attesi:
Il presente invito a presentare proposte riguarda le azioni relative all’obiettivo di finanziamento “eliminare le strozzature, migliorare l’interoperabilità ferroviaria, colmare i collegamenti mancanti e, in particolare, migliorare le tratte transfrontaliere”. Le azioni previste devono contribuire al completamento di progetti pre-identificati sui corridoi della rete centrale e sulle altre sezioni della rete centrale (ferrovie, vie navigabili interne, strade, porti marittimi e interni). L’obiettivo generale del presente invito è quello di preparare l’attuazione dei progetti della rete centrale TEN-T sostenendo studi ai sensi dell’articolo 2, paragrafo 6, del regolamento CEF, che affrontano le fasi preparatorie necessarie per i prossimi lavori. Tali fasi riguardano, ad esempio, la progettazione tecnica, le procedure di autorizzazione e la preparazione della procedura di gara. L’assistenza finanziaria si concentra sugli studi relativi a: – progetti di infrastrutture per le ferrovie, le vie navigabili interne, i porti marittimi e interni; – progetti di infrastrutture per le reti stradali nel caso di Stati membri che non dispongono di una rete ferroviaria nel loro territorio o nel caso di uno Stato membro, o parte di esso, con una rete isolata senza trasporto ferroviario di merci su lunghe distanze.
Attività eleggibili:
Le proposte devono riguardare esclusivamente studi ai sensi dell’articolo 2, paragrafo 6, del regolamento (UE) n. 1316/2013. Sarà data priorità agli studi che portano all’avvio dei lavori tra il 2021 e il 2024, come gli studi relativi alla valutazione dell’impatto ambientale o ad altre autorizzazioni ambientali, alla progettazione avanzata, alle licenze edilizie, alle indagini geologiche o agli appalti pubblici. Sono ammissibili anche gli studi per nuovi progetti o per l’estensione di progetti che portano all’inizio dei lavori dopo il 2024, ma sarà data una priorità inferiore. In linea con il programma di lavoro pluriennale, sono qui richieste ulteriori specifiche per gli studi sui porti marittimi e sulle strade.
AREE DI STUDIO
Porti marittimi
Gli studi relativi ai porti marittimi devono riguardare progetti di infrastrutture che riguardano i collegamenti con l’hinterland del porto (i collegamenti stradali possono essere ammissibili solo se non sono possibili altri collegamenti con l’hinterland), l’accesso al mare del porto, le infrastrutture di base, il dragaggio del capitale, gli impianti di raccolta dei rifiuti e gli impianti relativi alla fornitura e all’uso di combustibili o energia alternativi. Non saranno sostenuti gli studi relativi ai terminal merci e passeggeri, alla manutenzione e/o alle sovrastrutture. Non saranno inoltre sostenuti gli studi relativi alle infrastrutture e agli impianti dedicati alle navi da crociera, a meno che non siano connessi alla fornitura e all’uso di combustibili o energia alternativi.
Strade
Le azioni relative alle strade devono essere in linea con il capitolo III (rete centrale) degli orientamenti TEN-T e con i requisiti specifici del capitolo II, sezione 3 (strade) degli orientamenti TEN-T e possono riguardare strade di alta qualità (autostrade, strade a scorrimento veloce o strade strategiche convenzionali), compresi ponti, gallerie, svincoli, incroci, incroci, svincoli, spalle dure e relative attrezzature). Il sostegno è concesso solo ad azioni conformi alle Direttive sulla sicurezza stradale4 e sulla sicurezza in galleria5 . Il sostegno non sarà concesso alle Azioni relative alla manutenzione stradale.
Priorità trasversali
Ove applicabile nell’ambito di un progetto più ampio di interesse comune, alcune delle attività incluse nell’Azione (studi) possono riguardare l’adattamento delle infrastrutture TEN-T per garantire la continuità delle infrastrutture ciclabili per le piste ciclabili di lunga percorrenza come gli itinerari EuroVelo. Gli studi possono riguardare estensioni lungo i percorsi TEN-T o agli incroci tra i percorsi TEN-T e le piste ciclabili di lunga percorrenza. In combinazione con altre attività, in particolare per le stazioni ferroviarie, il campo di applicazione dello studio proposto può comprendere il miglioramento dell’accessibilità alle infrastrutture di trasporto per le persone con disabilità e le persone a mobilità ridotta ai sensi dell’articolo 10, paragrafo 2, lettera b), punto v), del regolamento CEF.
Composizione del consorzio:
• Uno o più Stati membri
• Con l’accordo dello Stato membro (o degli Stati membri interessati), organizzazioni internazionali, imprese comuni o imprese o organismi pubblici o privati stabiliti in uno Stato UE.
Schema di finanziamento:
L’importo indicativo da assegnare sulla base del presente invito a presentare proposte è di 200 milioni di euro, ripartiti come segue: – 160 milioni di EUR nell’ambito della dotazione generale; e – 40 milioni di EUR nell’ambito della dotazione per la coesione. Il bilancio della dotazione di coesione è riservato esclusivamente alle azioni situate negli Stati membri ammissibili al finanziamento del Fondo di coesione (Stati membri della coesione). Il presente invito comprende due diverse sezioni, l’invito “Generale” e l’invito “Coesione”, e le domande devono essere presentate nell’ambito dell’invito corrispondente. Non è consentito presentare la stessa azione nell’ambito di entrambi gli inviti. Se una proposta multi-candidatura riguarda un’Azione per la quale alcune parti hanno diritto a un finanziamento nell’ambito della dotazione generale e altre parti nell’ambito della dotazione Coesione, le cosiddette proposte gemellate, la domanda deve essere suddivisa e ogni parte deve essere presentata separatamente nell’ambito del relativo invito. Il codice della proposta o il numero di domanda e il titolo della proposta gemellata devono essere incrociati per consentire una chiara identificazione delle due proposte nella parte appropriata del modulo di domanda. Le proposte gemellate saranno valutate congiuntamente per valutare il loro valore aggiunto comune all’UE.
Deadline:
22 Marzo 2021
Ulteriori informazioni:
Il 14 gennaio 2021 si terrà una giornata informativa virtuale per spiegare i dettagli della call.
2020 CEF Transport MAP call | Innovation and Networks Executive Agency (europa.eu)

Servizio offerto da Mario Furore, deputato al Parlamento europeo, membro non iscritto.
disclaimer:
Le opinioni espresse sono di responsabilità esclusiva dell’autore o degli autori e non riflettono necessariamente la posizione ufficiale del Parlamento europeo.

 

0%

Furore Mascotte #ineuropaconfurore

© 2020 Mario Furore - Privacy & Cookie Policy |
Design by Gianluca di Santo