#ineuropaconfurore

Migliore accesso alla lotta contro il crimine e il terrorismo dati di ricerca

Improved access to fighting crime and terrorism research data

Titolo:
Migliore accesso alla lotta contro il crimine e il terrorismo dati di ricerca
Improved access to fighting crime and terrorism research data
HORIZON-CL3-2021-FCT-01-04
Ente finanziatore:
Commissione europea
Programma Horizon Europe
Obiettivi ed impatto attesi:
La mancanza di dati di addestramento e di test realistici, aggiornati e sufficienti per scopi di ricerca è stata regolarmente sollevata dai progetti che lavorano nell’area della lotta al crimine e al terrorismo (FCT), al punto che tali dati sono necessari al posto di dati fittizi e sintetici. Vale a dire, l’accuratezza degli strumenti, in particolare (ma non solo) quelli digitali, dipende fortemente dalla quantità e dalla qualità dei dati di addestramento e di test, compresa la qualità della loro struttura ed etichettatura, e quanto bene questi dati rappresentano il problema da affrontare.
Questo problema è generalmente presente in qualsiasi area di ricerca, ma diventa più enfatizzato, ad esempio, nel settore della sicurezza, della salute o della difesa a causa delle speciali categorie di dati coinvolti e della sensibilità del settore, che richiede ulteriori requisiti di accesso a set di dati reali o la creazione di set di dati rappresentativi a livello nazionale.
Nei progetti finanziati dall’UE, nel settore della FCT, il problema di avere una quantità scientificamente soddisfacente di dati aggiornati di alta qualità e realistici necessari per sviluppare strumenti affidabili (digitali e non digitali – ad esempio, rilevamento e/o qualificazione di esplosivi, droghe, tracce di DNA) a sostegno delle autorità di polizia diventa ancora più complesso. Vale a dire, gli insiemi di dati di formazione e test considerati legali e utilizzati in uno Stato membro devono essere condivisi e accettati in altri Stati membri, osservando contemporaneamente i diritti fondamentali e le garanzie sostanziali o procedurali.
Inoltre, con i continui e rapidi miglioramenti tecnologici, tra cui, ma non solo, l’Internet degli oggetti, sono e saranno sviluppati nuovi formati di dati e meccanismi per il trasferimento, la conservazione e la sicurezza dei dati. Inoltre, i formati dei dati spesso non sono armonizzati tra progetti di ricerca simili, ostacolando così i potenziali requisiti di interoperabilità.
I progetti dovrebbero realizzare i seguenti risultati attesi :
• Rendere consapevole la comunità di stakeholder (ricercatori, professionisti, industria, responsabili politici) dei prerequisiti legali, etici e tecnici che un archivio comune europeo di dati per la ricerca formazione e sperimentazione nell’area della lotta al crimine e al terrorismo dovrebbe soddisfare (per esempio, definendo come dovrebbe essere organizzato o quali caratteristiche dovrebbe avere), che includa i più recenti sviluppi tecnologici e consenta adattamenti man mano che tecnologie, tenendo conto delle regole etiche di funzionamento e dei diritti fondamentali (compresa la privacy e la protezione dei dati) e le considerazioni sul rapporto costi-benefici considerazioni che devono essere fatte nel contesto della proporzionalità in senso stretto (come un passo per valutare la legittimità di una misura che interferisce con i diritti fondamentali);
• Fornire agli operatori della sicurezza una maggiore interoperabilità e un migliore scambio (transfrontaliero) di dati grazie a formati di file di dati armonizzati in tutta Europa, che terrebbe facilmente conto delle evoluzioni tecnologiche, cioè sarebbe adattabile nel tempo;
• Miglioramento delle tecnologie di anonimizzazione e pseudonimizzazione, comprese altre misure di sicurezza misure di sicurezza, come le tecnologie di mascheramento e smascheramento per facilitare la gestione dei dati in questo contesto, garantendo il pieno accesso ai dati effettivamente necessari (in linea con il principio di necessità e proporzionalità), nonché tenendo conto di tutta la legislazione applicabile e dei diritti fondamentali.
Criteri di eleggibilità:
Qualsiasi soggetto giuridico, indipendentemente dal suo luogo di stabilimento, compresi i soggetti giuridici di paesi terzi non associati o le organizzazioni internazionali (comprese le organizzazioni internazionali di ricerca europee 1 ) può partecipare (indipendentemente dal fatto che sia ammissibile o meno al finanziamento), purché siano soddisfatte le condizioni stabilite nel regolamento del programma Horizon Europe, insieme a qualsiasi altra condizione stabilita nello specifico argomento dell’invito. Per “soggetto giuridico” si intende qualsiasi persona fisica o giuridica creata e riconosciuta come tale ai sensi del diritto nazionale, del diritto dell’UE o del diritto internazionale, dotata di personalità giuridica e che può, agendo in nome proprio, esercitare diritti ed essere soggetta a obblighi, oppure un soggetto senza personalità giuridica . I beneficiari e gli enti affiliati devono registrarsi nel Registro dei Partecipanti prima di presentare la loro domanda, al fine di ottenere un codice di identificazione del partecipante (PIC) ed essere convalidati dal Servizio Centrale di Convalida (REA Validation) prima di firmare la convenzione di sovvenzione. Per la convalida, sarà chiesto loro di caricare i documenti necessari che dimostrano il loro status giuridico e la loro origine durante la fase di preparazione della sovvenzione.
Si applicano le seguenti eccezioni: Questo tema richiede il coinvolgimento attivo, come beneficiari, di almeno 3 Autorità di polizia di almeno 3 diversi Stati membri dell’UE o paesi associati. paesi associati. Per questi partecipanti, i richiedenti devono compilare la tabella “Informazioni di ammissibilità sui professionisti” nel modulo di domanda con tutte le informazioni richieste, seguendo il modello fornito nello strumento informatico di presentazione.
Alcune attività, risultanti da questo argomento, possono comportare l’uso di un background classificato e/o la produzione di risultati sensibili alla sicurezza (EUCI e SEN). Si prega di fare riferimento alle relative disposizioni nella sezione B Sicurezza – UE informazioni classificate e sensibili degli allegati generali.
Schema di finanziamento:
La Commissione stima che un contributo dell’UE di circa 7,00 milioni di euro permetterebbe di affrontare adeguatamente questi risultati.
Tuttavia, ciò non preclude la presentazione e la selezione di una proposta che richieda importi diversi.
Il bilancio totale indicativo per il tema è di 16,00 milioni di EUR.
Scadenza:
23 Novembre 2021
Ulteriori informazioni:
wp-6-civil-security-for-society_horizon-2021-2022_en.pdf (europa.eu)
Per scaricare questo bando, in formato pdf, clicca qui.

 

 

 

Servizio offerto da Mario Furore, deputato al Parlamento europeo, membro non iscritto.
disclaimer:
Le opinioni espresse sono di responsabilità esclusiva dell’autore o degli autori e non riflettono necessariamente la posizione ufficiale del Parlamento europeo.

0%

Furore Mascotte #ineuropaconfurore

© 2020 Mario Furore - Privacy & Cookie Policy |
Design by Gianluca di Santo