#ineuropaconfurore

Pilotare un nuovo scambio di conoscenze industria-università che si concentra sui bisogni delle aziende

Piloting a new industry-academia knowledge exchange focussing on companies’ needs

Titolo:
Pilotare un nuovo scambio di conoscenze industria-università che si concentra sui bisogni delle aziende
Piloting a new industry-academia knowledge exchange focussing on companies’ needs
HORIZON-CL4-2021-HUMAN-01-20
Ente finanziatore:
Commissione europea
Programma Horizon Europe
Obiettivi ed impatto attesi:
Questa azione promuoverà lo scambio di conoscenze tra industria e università, concentrandosi sui bisogni di ricerca e innovazione delle imprese, integrando la collaborazione tra università e imprese in linea con l’agenda europea delle competenze per la competitività sostenibile, l’equità sociale e la resilienza.
Questa attività si baserà su strumenti già esistenti nel campo della cooperazione tra università e imprese, come le comunità della conoscenza e dell’innovazione dell’EIT e la Knowledge Alliance. L’analisi delle lacune degli strumenti UE esistenti nel campo della cooperazione tra università e imprese mostra che c’è la necessità di rafforzare il sostegno per le collaborazioni ad hoc che si concentrano sulle esigenze specifiche delle aziende. Questa attività svilupperà e piloterà un modulo di collaborazione standard che sosterrà a breve termine team di co-creazione equilibrati dal punto di vista del genere composti da studenti dell’IIS, ricercatori e personale di R&S delle aziende per lavorare insieme per risolvere le sfide di R&I e commerciali identificate dall’azienda. I candidati dovrebbero elaborare come svilupperanno questo in coordinamento con l’Istituto Europeo di Innovazione e Tecnologia (EIT) per evitare duplicazioni, esplorare forme e mezzi complementari di fornitura di servizi distinti dalle CCI dell’EIT, e permettere un possibile uso delle reti EIT esistenti. Il numero minimo di team di co-creazione che devono essere sostenuti in modo geograficamente equilibrato è di 300. Gli studenti e i ricercatori di ogni team di co-creazione devono provenire da almeno tre Stati membri dell’UE o paesi associati. La partecipazione delle aziende di tutta l’UE e dei paesi associati dovrebbe essere garantita con particolare attenzione all’allargamento dei paesi. L’azione dovrebbe creare collegamenti con altre iniziative pertinenti relative alla collaborazione tra industria e università.
Il processo di co-creazione sarà facilitato da un modulo collaborativo attraverso il quale le aziende possono trovare i team internazionali più adatti, qualificati e motivati su base ad-hoc per lavorare insieme al personale dell’azienda per trovare una soluzione alla sfida identificata dell’azienda. Il modulo collaborativo sarà incaricato di abbinare le esigenze dell’azienda con gli individui per formare un team interdisciplinare diversificato su misura e adatto ad affrontare la sfida particolare. Inoltre, il modulo sarà responsabile della gestione del progetto per i team di co-creazione e fornirà ai team una guida professionale e una facilitazione per risolvere le sfide definite entro 4-8 settimane. Se i candidati propongono di fornire un sostegno finanziario a terzi per sostenere i team di co-creazione, dovranno descrivere le condizioni di presentazione, valutazione e selezione delle proposte di terzi.
Criteri di eleggibilità:
Qualsiasi soggetto giuridico, indipendentemente dal suo luogo di stabilimento, compresi i soggetti giuridici di paesi terzi non associati o le organizzazioni internazionali (comprese le organizzazioni internazionali di ricerca europee) può partecipare (indipendentemente dal fatto che sia ammissibile o meno al finanziamento), purché siano soddisfatte le condizioni stabilite nel regolamento del programma Horizon Europe, insieme a qualsiasi altra condizione stabilita nello specifico argomento dell’invito. Per “soggetto giuridico” si intende qualsiasi persona fisica o giuridica creata e riconosciuta come tale ai sensi del diritto nazionale, del diritto dell’UE o del diritto internazionale, dotata di personalità giuridica e che può, agendo in nome proprio, esercitare diritti ed essere soggetta a obblighi, oppure un soggetto senza personalità giuridica . I beneficiari e gli enti affiliati devono registrarsi nel Registro dei Partecipanti prima di presentare la loro domanda, al fine di ottenere un codice di identificazione del partecipante (PIC) ed essere convalidati dal Servizio Centrale di Convalida (REA Validation) prima di firmare la convenzione di sovvenzione. Per la convalida, sarà chiesto loro di caricare i documenti necessari che dimostrano il loro status giuridico e la loro origine durante la fase di preparazione della sovvenzione.
Schema di finanziamento:
La Commissione stima che un contributo dell’UE di circa 2 milioni di euro permetterebbe di affrontare questi risultati adeguatamente.
Il bilancio totale indicativo per il tema è di 2 milioni di EUR.
Tipo di azione: Coordination and Support Actions.
Scadenza:
21 Ottobre 2021
Ulteriori informazioni:
wp-7-digital-industry-and-space_horizon-2021-2022_en.pdf (europa.eu)
Per scaricare questo bando, in formato pdf, clicca qui.

 

 

 

Servizio offerto da Mario Furore, deputato al Parlamento europeo, membro non iscritto.
disclaimer:
Le opinioni espresse sono di responsabilità esclusiva dell’autore o degli autori e non riflettono necessariamente la posizione ufficiale del Parlamento europeo.

0%

Furore Mascotte #ineuropaconfurore

© 2020 Mario Furore - Privacy & Cookie Policy |
Design by Gianluca di Santo