#ineuropaconfurore

Preservare e valorizzare il patrimonio culturale con tecnologie digitali avanzate

Preserving and enhancing cultural heritage with advanced digital technologies

Titolo:
Preservare e valorizzare il patrimonio culturale con tecnologie digitali avanzate
Preserving and enhancing cultural heritage with advanced digital technologies
TOPIC ID: HORIZON-CL2-2021-HERITAGE-01-04
Ente finanziatore:
Commissione europea
Programma Horizon Europe
Obiettivi ed impatto attesi:
Le tecnologie digitali, dalla simulazione 3D all’intelligenza artificiale e alla realtà virtuale/aumentata, sono utilizzate per garantire la conservazione e un ampio accesso al patrimonio culturale e alle arti. Un’ampia ricerca è già stata finanziata per sostenere la digitalizzazione di biblioteche e archivi, tour virtuali di musei e siti archeologici, così come la cura e la conservazione digitale dei beni culturali. Tuttavia, c’è bisogno di espandere e sostenere ulteriormente l’applicazione degli strumenti digitali per preservare il patrimonio culturale e renderlo ampiamente accessibile. La relazione tra il patrimonio culturale e il suo formato digitalizzato attraverso l’esperienza del pubblico è di particolare interesse.
Il ruolo giocato dal digitale durante la recente crisi della pandemia COVID-19 è particolarmente degno di nota, poiché si è dimostrato il mezzo più valido per accedere ai beni culturali durante il lungo periodo di confinamento. Musei e biblioteche offrivano accesso gratuito alle loro collezioni, gli artisti si esibivano dal vivo online e i teatri trasmettevano i loro spettacoli attraverso il web per aiutare a sollevare il morale delle persone e migliorare il loro benessere. Valutare l’impatto di queste attività e trarre insegnamenti in vista della futura gestione delle crisi richiede una ricerca mirata.
Le azioni di R&I finanziate nell’ambito di questo tema dovrebbero stabilire lo stato dell’arte delle metodologie e degli strumenti digitali per proteggere il ricco e vario patrimonio culturale europeo, compreso il patrimonio “nato digitale”, in complementarità con metodi di conservazione e protezione più consolidati.
I progetti dovrebbero contribuire ad almeno due dei seguenti risultati attesi:
• – Sviluppare e rafforzare l’uso delle tecnologie digitali per proteggere, conservare, restaurare e salvaguardare il patrimonio culturale e le arti in complementarità con altri metodi di ricerca.
• – Facilitare e ampliare l’accesso ai beni culturali attraverso tecnologie e strumenti digitali e all’avanguardia, in parallelo o in alternativa all’accesso fisico al patrimonio culturale.
• – Sostenere l’analisi comparativa con l’intelligenza artificiale, compresa l’analisi nel tempo, e altri mezzi digitali per migliorare l’innovazione e lo scambio di conoscenze nei settori culturali e creativi.
• – Aumentare la competitività delle industrie culturali e creative nel mercato interno e a livello internazionale, e fornire opportunità per la creazione di posti di lavoro nuovi e sostenibili.
• – Esplorare il ruolo degli strumenti digitali, come le simulazioni 3D/4D, le tecnologie di realtà virtuale e aumentata nell’impegno con il patrimonio culturale durante e dopo la crisi COVID-19.
• – Utilizzare gli strumenti digitali e altri risultati per fornire soluzioni efficienti e globali alle reali esigenze di accesso, protezione e conservazione del patrimonio culturale, compreso quello “nato digitale”.
Criteri di eleggibilità:
Qualsiasi soggetto giuridico, indipendentemente dal suo luogo di stabilimento, compresi i soggetti giuridici di paesi terzi non associati o le organizzazioni internazionali (comprese le organizzazioni internazionali di ricerca europee 1 ) può partecipare (indipendentemente dal fatto che sia ammissibile o meno al finanziamento), purché siano soddisfatte le condizioni stabilite nel regolamento del programma Horizon Europe, insieme a qualsiasi altra condizione stabilita nello specifico argomento dell’invito. Per “soggetto giuridico” si intende qualsiasi persona fisica o giuridica creata e riconosciuta come tale ai sensi del diritto nazionale, del diritto dell’UE o del diritto internazionale, dotata di personalità giuridica e che può, agendo in nome proprio, esercitare diritti ed essere soggetta a obblighi, oppure un soggetto senza personalità giuridica . I beneficiari e gli enti affiliati devono registrarsi nel Registro dei Partecipanti prima di presentare la loro domanda, al fine di ottenere un codice di identificazione del partecipante (PIC) ed essere convalidati dal Servizio Centrale di Convalida (REA Validation) prima di firmare la convenzione di sovvenzione. Per la convalida, sarà chiesto loro di caricare i documenti necessari che dimostrano il loro status giuridico e la loro origine durante la fase di preparazione della sovvenzione. Un PIC convalidato non è un prerequisito per la presentazione della domanda.
Se i progetti utilizzano dati e servizi di osservazione della terra, posizionamento, navigazione e/o tempi correlati basati sui satelliti, i beneficiari devono fare uso di Copernicus e/o Galileo/EGNOS (altri dati e servizi possono essere utilizzati in aggiunta).
Schema di finanziamento:
Contributo UE previsto per progetto La Commissione stima che un contributo UE compreso tra 3,50 e 4,00 milioni di euro consentirebbe di affrontare adeguatamente questi risultati. Tuttavia, ciò non preclude la presentazione e la selezione di una proposta che richieda importi diversi.
Bilancio indicativo:il bilancio totale indicativo per il tema è di 12,00 milioni di euro.
Tipo di azione: azioni di ricerca e innovazione.
Scadenza:
07 Ottobre 2021
Ulteriori informazioni:
wp-5-culture-creativity-and-inclusive-society_horizon-2021-2022_en.pdf (europa.eu)
Per scaricare questo bando, in formato pdf, clicca qui.

 

 

 

Servizio offerto da Mario Furore, deputato al Parlamento europeo, membro non iscritto.
disclaimer:
Le opinioni espresse sono di responsabilità esclusiva dell’autore o degli autori e non riflettono necessariamente la posizione ufficiale del Parlamento europeo.

0%

Furore Mascotte #ineuropaconfurore

© 2020 Mario Furore - Privacy & Cookie Policy |
Design by Gianluca di Santo