#ineuropaconfurore

Prevenzione dello sfruttamento sessuale dei bambini

Prevention of child sexual exploitation

Titolo:
Prevenzione dello sfruttamento sessuale dei bambini
Prevention of child sexual exploitation
TOPIC ID: HORIZON-CL3-2021-FCT-01-11
Ente finanziatore:
Commissione europea
Programma Horizon Europe
Obiettivi ed impatto attesi:
Lo sfruttamento sessuale dei minori (CSE), compresa la crescente quantità di materiale pedopornografico (CSAM) rilevato online e l’adescamento online di bambini per scopi sessuali, rimane una grave minaccia. Durante la prima ondata della pandemia globale di COVID-19, c’è stato un aumento dell’attività online in forum dedicati da parte degli autori del reato che hanno sfruttato le opportunità di impegnarsi con bambini che erano più vulnerabili a causa dell’isolamento, della maggiore esposizione online e della minore supervisione. Questo ha evidenziato ulteriormente l’importanza della prevenzione CSE, dell’individuazione precoce e di azioni efficaci, sia online che offline. La ricerca è necessaria per comprendere meglio il processo che porta all’offesa in tutte le sue varie forme (ad esempio, dal guardare CSAM all’abuso sessuale di un bambino), cioè cosa scatena il comportamento dei potenziali criminali, quali approcci nell’affrontare il loro comportamento funzionano e quali no, quali profili di criminali possono essere generati, ecc.
La ricerca è anche necessaria per fornire una comprensione più profonda della prevalenza di questi crimini così come la prevalenza di persone con un interesse sessuale nei confronti dei bambini. I segnali precoci o deboli dovrebbero essere ulteriormente studiati in combinazione con contromisure e interventi efficaci. Le soluzioni dovrebbero essere accompagnate da corrispondenti curricula di formazione per le autorità di polizia e le organizzazioni della società civile, quando necessario (ad esempio quando implicano l’assistenza a potenziali criminali o vittime). Dovrebbero essere sviluppati anche metodi per valutare le soluzioni proposte. Un’attenzione speciale deve essere data all’etica e alla protezione dei diritti fondamentali durante tutta la ricerca e le soluzioni proposte. Il carattere evolutivo del modus operandi della CSE dovrebbe essere preso in considerazione in tutte le attività proposte in questo tema. La dimensione sociale dovrebbe essere al centro delle attività proposte. Oltre al coinvolgimento obbligatorio delle autorità di polizia, è fortemente incoraggiato anche il coinvolgimento di altri professionisti pertinenti nei consorzi – ad esempio dalle organizzazioni della società civile, dai professionisti della salute (psicologi, psichiatri…), dagli psicologi forensi, dai criminologi e dai sociologi. Come tale, questo argomento richiede il contributo effettivo delle discipline SSH e il coinvolgimento di esperti SSH, istituzioni così come l’inclusione di rilevanti competenze SSH, al fine di produrre effetti significativi e significativi aumentando l’impatto sociale delle attività di ricerca correlate. Il test e/o il pilotaggio degli strumenti e delle soluzioni sviluppate in un contesto reale con una o più autorità di polizia e altre autorità pertinenti è una risorsa; a prescindere, le azioni dovrebbero prevedere come facilitare l’adozione, la replicazione in un contesto diverso e l’up-scaling delle capacità – cioè soluzioni, strumenti, processi e altro – che saranno sviluppate dal progetto.
Criteri di eleggibilità:
Qualsiasi soggetto giuridico, indipendentemente dal suo luogo di stabilimento, compresi i soggetti giuridici di paesi terzi non associati o le organizzazioni internazionali (comprese le organizzazioni internazionali di ricerca europee 1) può partecipare (indipendentemente dal fatto che sia ammissibile o meno al finanziamento), purché siano soddisfatte le condizioni stabilite nel regolamento del programma Horizon Europe, insieme a qualsiasi altra condizione stabilita nello specifico argomento dell’invito. Per “soggetto giuridico” si intende qualsiasi persona fisica o giuridica creata e riconosciuta come tale ai sensi del diritto nazionale, del diritto dell’UE o del diritto internazionale, dotata di personalità giuridica e che può, agendo in nome proprio, esercitare diritti ed essere soggetta a obblighi, oppure un soggetto senza personalità giuridica . I beneficiari e gli enti affiliati devono registrarsi nel Registro dei Partecipanti prima di presentare la loro domanda, al fine di ottenere un codice di identificazione del partecipante (PIC) ed essere convalidati dal Servizio Centrale di Convalida (REA Validation) prima di firmare la convenzione di sovvenzione. Per la convalida, sarà chiesto loro di caricare i documenti necessari che dimostrano il loro status giuridico e la loro origine durante la fase di preparazione della sovvenzione.
Questo tema richiede il coinvolgimento attivo, come beneficiari, di almeno 2 autorità di polizia e almeno 2 organizzazioni della società civile (OSC) di almeno 3 diversi Stati membri dell’UE o paesi associati. Per questi partecipanti, i richiedenti devono compilare la tabella “Informazioni di ammissibilità sugli operatori” nel modulo di domanda con tutte le informazioni richieste, seguendo il modello fornito nello strumento informatico di presentazione. Alcune attività, risultanti da questo tema, possono comportare l’uso di materiale classificato e/o la produzione di risultati sensibili alla sicurezza (EUCI e SEN). Si prega di fare riferimento alle relative disposizioni nella sezione B Sicurezza – Informazioni classificate e sensibili dell’UE degli allegati generali.
Schema di finanziamento:
La Commissione stima che un contributo di 3 milioni di euro permetterebbe di affrontare questi risultati adeguatamente. Tuttavia, ciò non preclude la presentazione di proposte che richiedano importi diversi.
Il bilancio totale indicativo per il tema è di 6 milioni di EUR.
Tipo di azione: Research and Innovation action RIA.
Scadenza:
23 November 2021 17:00:00 Brussels time
Ulteriori informazioni:
wp-6-civil-security-for-society_horizon-2021-2022_en.pdf (europa.eu)
Per scaricare questo bando, in formato pdf, clicca qui.

 

 

 

Servizio offerto da Mario Furore, deputato al Parlamento europeo, membro non iscritto.
disclaimer:
Le opinioni espresse sono di responsabilità esclusiva dell’autore o degli autori e non riflettono necessariamente la posizione ufficiale del Parlamento europeo.

0%

Furore Mascotte #ineuropaconfurore

© 2020 Mario Furore - Privacy & Cookie Policy |
Design by Gianluca di Santo