#ineuropaconfurore

Intercoltura – comprendere e utilizzare i benefici della complessità nell’agricoltura e nelle catene del valore

Intercropping – understanding and using the benefits of complexity in farming and value chains

Titolo:
Intercoltura – comprendere e utilizzare i benefici della complessità nell’agricoltura e nelle catene del valore
Intercropping – understanding and using the benefits of complexity in farming and value chains
TOPIC ID: HORIZON-CL6-2022-BIODIV-01-05
Ente finanziatore:
Commissione europea
Programma Horizon Europe
Obiettivi ed impatto attesi:
Gli agricoltori affrontano una crescente pressione per spostare la produzione verso sistemi a basso input, pur continuando a garantire forniture sufficienti di prodotti alimentari e non alimentari. Il Green Deal, in particolare, ha fissato obiettivi ambiziosi per ridurre entro il 2030 l’uso complessivo di pesticidi e fertilizzanti chimici, ridurre le perdite di nutrienti e aumentare l’agricoltura biologica.
I sistemi di produzione ricchi di specie, come l’intercoltura, hanno mostrato un potenziale significativo per aumentare l’efficienza delle risorse e la resilienza contro gli stress biotici e abiotici, permettendo così di ottenere un aumento delle rese senza aumentare gli input, o di stabilizzare le rese con una diminuzione degli input. I sistemi agricoli diversificati che fanno uso di colture intercalari strategiche possono anche migliorare la salute del suolo e fornire molteplici servizi ecosistemici.
I benefici della consociazione sono il risultato di interazioni altamente dinamiche tra le piante e il loro ambiente e permettono di ottimizzare l’uso di risorse come nutrienti, acqua o radiazione solare. Nonostante questi benefici, la consociazione non è ampiamente applicata nell’agricoltura europea, a causa, per esempio, di una maggiore complessità delle operazioni e dell’intensità del lavoro a livello di azienda agricola o di un mercato che tira per prodotti più standardizzati e per la trasformazione, nonché per modalità semplificate di commercializzazione.
Le attività finanziate dovrebbero:
• Studiare i meccanismi (specifici del contesto) che sono alla base dei benefici associati alla consociazione, come una maggiore efficienza delle risorse, la prevenzione di malattie e parassiti e la qualità del prodotto;
• Chiarire i legami tra le interazioni tra le specie sopra e sotto il suolo e come queste potrebbero essere ottimizzate attraverso la gestione;
• Fornire prove sugli effetti dell’intercoltura sulla qualità del prodotto lungo la catena del valore;
• Identificare, testare e dimostrare le pratiche agronomiche che promuovono i benefici della consociazione ottimizzando le interazioni tra piante, ambiente e gestione (G x G x E x M), compreso l’uso di input e macchinari adattati come gli strumenti di precisione;
• Esplorare la motivazione degli agricoltori ad adottare le pratiche di consociazione e proporre soluzioni per superare le potenziali barriere;
• Promuovere l’adozione della consociazione attraverso lo sviluppo di linee guida e dimostrazioni pratiche su vasta scala, tenendo conto di una serie di sistemi agricoli, condizioni pedoclimatiche e catene di valore;
• Identificare e testare strade per la commercializzazione e la trasformazione di prodotti agricoli più diversificati attraverso la catena del valore.
Criteri di eleggibilità:
Qualsiasi soggetto giuridico, indipendentemente dal suo luogo di stabilimento, compresi i soggetti giuridici di paesi terzi non associati o le organizzazioni internazionali (comprese le organizzazioni internazionali di ricerca europee 1) può partecipare (indipendentemente dal fatto che sia ammissibile o meno al finanziamento), purché siano soddisfatte le condizioni stabilite nel regolamento del programma Horizon Europe, insieme a qualsiasi altra condizione stabilita nello specifico argomento dell’invito. Per “soggetto giuridico” si intende qualsiasi persona fisica o giuridica creata e riconosciuta come tale ai sensi del diritto nazionale, del diritto dell’UE o del diritto internazionale, dotata di personalità giuridica e che può, agendo in nome proprio, esercitare diritti ed essere soggetta a obblighi, oppure un soggetto senza personalità giuridica . I beneficiari e gli enti affiliati devono registrarsi nel Registro dei Partecipanti prima di presentare la loro domanda, al fine di ottenere un codice di identificazione del partecipante (PIC) ed essere convalidati dal Servizio Centrale di Convalida (REA Validation) prima di firmare la convenzione di sovvenzione. Per la convalida, sarà chiesto loro di caricare i documenti necessari che dimostrano il loro status giuridico e la loro origine durante la fase di preparazione della sovvenzione.
Schema di finanziamento:
La Commissione stima che un contributo di 8 milioni di euro permetterebbe di affrontare questi risultati adeguatamente. Tuttavia, ciò non preclude la presentazione di proposte che richiedano importi diversi.
Il bilancio totale indicativo per il tema è di 16 milioni di EUR.
Tipo di azione: Research and Innovation action RIA.
Scadenza:
15 Febbraio 2022 17:00:00 Brussels time
Ulteriori informazioni:
wp-9-food-bioeconomy-natural-resources-agriculture-and-environment_horizon-2021-2022_en.pdf (europa.eu)
Per scaricare questo bando, in formato pdf, clicca qui.

 

 

 

Servizio offerto da Mario Furore, deputato al Parlamento europeo, membro non iscritto.
disclaimer:
Le opinioni espresse sono di responsabilità esclusiva dell’autore o degli autori e non riflettono necessariamente la posizione ufficiale del Parlamento europeo.

0%

Furore Mascotte #ineuropaconfurore

© 2020 Mario Furore - Privacy & Cookie Policy |
Design by Gianluca di Santo