#ineuropaconfurore

Sviluppare piattaforme digitali per l’industria estrattiva su piccola scala

Developing digital platforms for the small scale extractive industry

Titolo:
Sviluppare piattaforme digitali per l’industria estrattiva su piccola scala
Developing digital platforms for the small scale extractive industry
TOPIC ID: HORIZON-CL4-2022-RESILIENCE-01-04
Ente finanziatore:
Commissione europea
Programma Horizon Europe
Obiettivi ed impatto attesi:
Le azioni dovrebbero sviluppare piattaforme digitali che integrino i dati di osservazione della Terra, i dati in situ e la modellazione dei dati, per migliorare la gestione dei dati e il processo decisionale durante il processo estrattivo. Le proposte sono incoraggiate a fare uso, ma non solo, delle infrastrutture di dati esistenti dell’UE e degli Stati membri.
Queste piattaforme digitali dovrebbero adattarsi ai maggiori volumi di dati delle attività estrattive, incorporando tecniche di assimilazione e migliori pratiche di interoperabilità, automazione, sistematizzazione e servizi integrati basati sul web, ed essere portate alla fornitura di servizi pre-operativi, andando oltre la fase di dimostrazione.
Le azioni dovrebbero contribuire a digitalizzare le operazioni delle industrie estrattive e, essendo conformi a INSPIRE[1], aiutare la raccolta di dati a livello europeo per valutare le prestazioni e la competitività delle industrie estrattive.
Queste piattaforme digitali dovrebbero contribuire ad aumentare il dialogo tra l’industria estrattiva e i cittadini dell’UE, aumentando la consapevolezza dell’impatto delle materie prime sulle catene del valore e sul benessere della società e rafforzando l’impegno dell’industria a proteggere la salute umana e gli ecosistemi naturali.
Le proposte presentate nell’ambito di questo tema dovrebbero includere un business case e una strategia di sfruttamento, come indicato nell’introduzione a questa destinazione. Per i TRL 6-7, ci si aspetta una strategia credibile per raggiungere la futura produzione su larga scala nell’UE, indicando gli impegni dei partner industriali dopo la fine del progetto.
Basandosi sui progetti passati, le azioni dovrebbero fornire materiali pratici e facilmente applicabili per lo sviluppo delle capacità e la formazione per una migliore gestione ambientale e sociale delle operazioni attive. Dovrebbero anche includere lo scambio di buone pratiche e lo sviluppo di capacità per il monitoraggio efficace dei siti estrattivi da parte delle autorità competenti.
Le azioni dovrebbero prevedere il raggruppamento delle attività con altri progetti selezionati pertinenti per la cooperazione tra progetti, le consultazioni e le attività congiunte su questioni trasversali e la condivisione dei risultati, nonché la partecipazione a riunioni congiunte ed eventi di comunicazione. A tal fine le proposte dovrebbero prevedere un pacchetto di lavoro e/o un compito dedicato e stanziare le risorse adeguate di conseguenza.
Le azioni dovrebbero inoltre contribuire a sensibilizzare le parti interessate esterne e il pubblico in generale in tutta l’UE sull’importanza delle materie prime per la società, sulle sfide legate al loro approvvigionamento nell’UE e sulle soluzioni proposte che potrebbero contribuire a migliorare l’accettazione e la fiducia della società nella produzione sostenibile di materie prime nell’UE.
Le proposte dovrebbero prendere in considerazione questioni di accessibilità e inclusione, come l’età, il sesso, la disabilità e il background socio-economico.
Criteri di eleggibilità:
Qualsiasi soggetto giuridico, indipendentemente dal suo luogo di stabilimento, compresi i soggetti giuridici di paesi terzi non associati o le organizzazioni internazionali (comprese le organizzazioni internazionali di ricerca europee 1) può partecipare (indipendentemente dal fatto che sia ammissibile o meno al finanziamento), purché siano soddisfatte le condizioni stabilite nel regolamento del programma Horizon Europe, insieme a qualsiasi altra condizione stabilita nello specifico argomento dell’invito. Per “soggetto giuridico” si intende qualsiasi persona fisica o giuridica creata e riconosciuta come tale ai sensi del diritto nazionale, del diritto dell’UE o del diritto internazionale, dotata di personalità giuridica e che può, agendo in nome proprio, esercitare diritti ed essere soggetta a obblighi, oppure un soggetto senza personalità giuridica . I beneficiari e gli enti affiliati devono registrarsi nel Registro dei Partecipanti prima di presentare la loro domanda, al fine di ottenere un codice di identificazione del partecipante (PIC) ed essere convalidati dal Servizio Centrale di Convalida (REA Validation) prima di firmare la convenzione di sovvenzione. Per la convalida, sarà chiesto loro di caricare i documenti necessari che dimostrano il loro status giuridico e la loro origine durante la fase di preparazione della sovvenzione.
Schema di finanziamento:
La Commissione stima che un contributo di 5 milioni di euro permetterebbe di affrontare questi risultati adeguatamente. Tuttavia, ciò non preclude la presentazione di proposte che richiedano importi diversi.
Il bilancio totale indicativo per il tema è di 15 milioni di EUR.
Tipo di azione: Innovation action (IA).
Scadenza:
30 Marzo 2022 17:00:00 Brussels time
Ulteriori informazioni:
wp-7-digital-industry-and-space_horizon-2021-2022_en.pdf (europa.eu)
Per scaricare questo bando, in formato pdf, clicca qui.

 

 

 

Servizio offerto da Mario Furore, deputato al Parlamento europeo, membro non iscritto.
disclaimer:
Le opinioni espresse sono di responsabilità esclusiva dell’autore o degli autori e non riflettono necessariamente la posizione ufficiale del Parlamento europeo.

0%

Furore Mascotte #ineuropaconfurore

© 2020 Mario Furore - Privacy & Cookie Policy |
Design by Gianluca di Santo