#ineuropaconfurore

Dimostratore di distretto di alloggi sociali e accessibili

Social and affordable housing district demonstrator

Titolo:
Dimostratore di distretto di alloggi sociali e accessibili
Social and affordable housing district demonstrator
TOPIC ID: HORIZON-CL4-2021-RESILIENCE-02-32
Ente finanziatore:
Commissione europea
Programma Horizon Europe
Obiettivi ed impatto attesi:
Per sostenere un’ampia implementazione delle ristrutturazioni distrettuali, la simbiosi urbana industriale deve essere promossa tra i partner più importanti impegnati nella costruzione e nella ristrutturazione di strutture di edilizia sociale. La dimensione locale e regionale è importante poiché le reti locali di energia e di servizi, le infrastrutture industriali adiacenti e i sottoprodotti e i servizi disponibili in questi distretti dovrebbero essere considerati in un approccio olistico e integrato. Allo stesso modo, la logistica dovrebbe essere ottimizzata dove possibile e dovrebbe essere un vantaggio dal punto di vista della sostenibilità e della competitività.
Le innovazioni basate sulla tecnologia dovrebbero dimostrare il potenziale di nuovi progetti di rinnovamento simbiotico che agiscono come dimostratori coinvolgendo più settori industriali (combinando in modo non esaustivo energia, costruzioni, energie rinnovabili, industrie circolari, elettroniche e creative, associazioni di edilizia sociale e autorità pubbliche) in partenariati pilota multi-stakeholder che si concentrano su un approccio distrettuale e sui bisogni sociali legati all’edilizia sociale. I progetti dovrebbero affrontare:
• Lo sviluppo di una più ampia metodologia integrata verso la ristrutturazione dei quartieri di edilizia sociale a partire da un approccio intersettoriale (ad esempio INNOSUP) e modelli di coinvolgimento dei residenti per sviluppare l’applicazione di tecnologie che rendano l’edilizia sociale più efficiente dal punto di vista energetico, accessibile e vivibile;
• Investigare su come le tecnologie per l’edilizia abitativa e la ristrutturazione possano essere adattate in modo da soddisfare le esigenze dei residenti nell’edilizia sociale a costi accessibili e come lo sviluppo su scala (ad esempio a livello di distretto di edifici multi-appartamento) possa ottimizzare i costi e migliorare l’accessibilità;
• Adattare la tecnologia in modo che si rivolga ai bisogni di base ed essenziali dei residenti piuttosto che mostrare l’applicazione più avanzata da un punto di vista tecnico (centrata sull’uomo, adatta allo scopo e fatta su misura);
• Ricercare su come il rinnovamento dei quartieri di edilizia sociale può fornire una popolazione più equilibrata in termini di reddito, età e profilo socio-economico, nonché evitare la formazione di ghetti da un lato e la gentrificazione dall’altro;
• Integrazione delle TIC e degli strumenti digitali, comprese le reti intelligenti, le applicazioni per la vita intelligente, la modellazione avanzata per la progettazione ecologica e la costruzione modulare, per progettare e stabilire nuove interazioni simbiotiche, la condivisione dei dati e la conservazione della riservatezza dei dati, come lista non esaustiva;
• Sviluppare metodologie di valutazione e KPI per misurare le prestazioni della simbiosi, inclusi gli impatti ambientali, economici e sociali. La valutazione del ciclo di vita e l’analisi dei costi del ciclo di vita dovrebbero prendere in considerazione gli standard di sostenibilità esistenti (per esempio ISO 14000) e le migliori pratiche esistenti;
• Acquisizione di nuove competenze nel settore delle costruzioni attraverso il pilotaggio di nuove tecnologie e processi nella ristrutturazione a livello distrettuale, concentrandosi sui bisogni dell’edilizia sociale;
• Sviluppo di metodologie di reporting comuni per la valutazione delle attività e degli scambi di simbiosi industriale;
• Sviluppo di strumenti per supportare le aziende nella ridefinizione del processo e dei sistemi dei loro prodotti dal punto di vista del design, della produzione, della logistica e dei modelli di business;
Questa call sostiene l’Iniziativa Bauhaus in quanto i quartieri faro potrebbero mostrare l’applicazione delle pratiche del Nuovo Bauhaus europeo incentrate sugli aspetti estetici e co-creativi della ristrutturazione e della costruzione di quartieri di edilizia sociale.
Il raggruppamento e la cooperazione con altri progetti selezionati nell’ambito di questo bando trasversale e altri progetti pertinenti, nonché la costruzione di progetti esistenti, è essenziale, in quanto molti progetti UE esistenti possono contribuire ad applicazioni o processi molto specifici in tale ristrutturazione del quartiere.
Criteri di eleggibilità:
Qualsiasi soggetto giuridico, indipendentemente dal suo luogo di stabilimento, compresi i soggetti giuridici di paesi terzi non associati o le organizzazioni internazionali (comprese le organizzazioni internazionali di ricerca europee 1) può partecipare (indipendentemente dal fatto che sia ammissibile o meno al finanziamento), purché siano soddisfatte le condizioni stabilite nel regolamento del programma Horizon Europe, insieme a qualsiasi altra condizione stabilita nello specifico argomento dell’invito. Per “soggetto giuridico” si intende qualsiasi persona fisica o giuridica creata e riconosciuta come tale ai sensi del diritto nazionale, del diritto dell’UE o del diritto internazionale, dotata di personalità giuridica e che può, agendo in nome proprio, esercitare diritti ed essere soggetta a obblighi, oppure un soggetto senza personalità giuridica . I beneficiari e gli enti affiliati devono registrarsi nel Registro dei Partecipanti prima di presentare la loro domanda, al fine di ottenere un codice di identificazione del partecipante (PIC) ed essere convalidati dal Servizio Centrale di Convalida (REA Validation) prima di firmare la convenzione di sovvenzione. Per la convalida, sarà chiesto loro di caricare i documenti necessari che dimostrano il loro status giuridico e la loro origine durante la fase di preparazione della sovvenzione.
Schema di finanziamento:
La Commissione stima che un contributo di 2,5 milioni di euro permetterebbe di affrontare questi risultati adeguatamente. Tuttavia, ciò non preclude la presentazione di proposte che richiedano importi diversi.
Il bilancio totale indicativo per il tema è di 10 milioni di EUR.
Tipo di azione: Research and Innovation action (IA).
Scadenza:
25 Gennaio 2022 17:00:00 Brussels time
Ulteriori informazioni:
wp-7-digital-industry-and-space_horizon-2021-2022_en.pdf (europa.eu)
Per scaricare questo bando, in formato pdf, clicca qui.

 

 

 

Servizio offerto da Mario Furore, deputato al Parlamento europeo, membro non iscritto.
disclaimer:
Le opinioni espresse sono di responsabilità esclusiva dell’autore o degli autori e non riflettono necessariamente la posizione ufficiale del Parlamento europeo.

0%

Furore Mascotte #ineuropaconfurore

© 2020 Mario Furore - Privacy & Cookie Policy |
Design by Gianluca di Santo