#ineuropaconfurore

Protezione dei manufatti e dei beni culturali dalle minacce antropogeniche

Protection of artefacts and cultural goods from anthropogenic threats

Titolo:
Protezione dei manufatti e dei beni culturali dalle minacce antropogeniche
Protection of artefacts and cultural goods from anthropogenic threats
HORIZON-CL2-2022-HERITAGE-01-07
Ente finanziatore:
Commissione europea
Programma Horizon Europe
Obiettivi ed impatto attesi:
I beni e le produzioni artistiche e culturali sono messi a rischio da una serie di azioni dell’uomo.
Il sottofinanziamento e l’abbandono dei siti del patrimonio, così come il saccheggio, il contrabbando e il commercio illecito di beni culturali, sono i principali pericoli che minacciano di distruggere il nostro patrimonio culturale. In particolare, il traffico illecito di beni culturali – pur non essendo un fenomeno nuovo – si è si è espanso drammaticamente negli ultimi anni, specialmente nelle aree colpite da conflitti armati e disastri naturali. La distruzione, il furto, il saccheggio o il contrabbando di beni culturali potrebbe derivare dalla mancanza di consapevolezza, ma è per lo più motivato dalla ricerca del profitto. Molto spesso, è anche legato a una certa ideologia che mira a distruggere la memoria collettiva e a smembrare l’identità identità delle persone. Inoltre, il traffico illecito di beni culturali contribuisce al finanziamento del terrorismo, al crimine organizzato e al riciclaggio di denaro. I regolamenti e gli strumenti giuridici sono messi in vigore per criminalizzare i reati e penalizzare i trasgressori, ma la ricerca è necessaria a livello di prevenzione per proteggere gli artefatti culturali dal cadere vittime di furto, contrabbando o traffico illecito.
I progetti dovrebbero contribuire ad almeno due dei seguenti risultati attesi :
• Sviluppare metodi non distruttivi e strumenti digitali per la protezione, identificazione e tracciabilità dei beni culturali.
• Contribuire alla protezione, al rintracciamento, alla restituzione e alla salvaguardia, così come alla ricerca sulla provenienza ricerca del patrimonio culturale europeo in pericolo.
• Produrre una ricerca basata sull’evidenza per sostenere lo spiegamento di misure preventive contro il saccheggio e il commercio illecito di beni culturali.
• Sensibilizzare, mobilitare e rafforzare ulteriormente la cooperazione tra i cittadini, stakeholder, esperti, politici e tutti gli attori coinvolti.
Criteri di eleggibilità:
Qualsiasi soggetto giuridico, indipendentemente dal suo luogo di stabilimento, compresi i soggetti giuridici di paesi terzi non associati o le organizzazioni internazionali (comprese le organizzazioni internazionali di ricerca europee 1) può partecipare (indipendentemente dal fatto che sia ammissibile o meno al finanziamento), purché siano soddisfatte le condizioni stabilite nel regolamento del programma Horizon Europe, insieme a qualsiasi altra condizione stabilita nello specifico argomento dell’invito. Per “soggetto giuridico” si intende qualsiasi persona fisica o giuridica creata e riconosciuta come tale ai sensi del diritto nazionale, del diritto dell’UE o del diritto internazionale, dotata di personalità giuridica e che può, agendo in nome proprio, esercitare diritti ed essere soggetta a obblighi, oppure un soggetto senza personalità giuridica. I beneficiari e gli enti affiliati devono registrarsi nel Registro dei Partecipanti prima di presentare la loro domanda, al fine di ottenere un codice di identificazione del partecipante (PIC) ed essere convalidati dal Servizio Centrale di Convalida (REA Validation) prima di firmare la convenzione di sovvenzione. Per la convalida, sarà chiesto loro di caricare i documenti necessari che dimostrano il loro status giuridico e la loro origine durante la fase di preparazione della sovvenzione.
Se i progetti utilizzano dati di osservazione della terra, posizionamento, navigazione e/o servizi di cronometraggio e/o i relativi dati e servizi di cronometraggio, i beneficiari devono utilizzare Copernicus e/o Galileo/EGNOS (altri dati e servizi possono essere utilizzati in aggiunta).
Schema di finanziamento:
La Commissione stima che un contributo di tra i 3 ed i 4 milioni di euro permetterebbe di affrontare questi risultati adeguatamente. Tuttavia, ciò non preclude la presentazione di proposte che richiedano importi diversi.
Il bilancio totale indicativo per il tema è di 12 milioni di EUR.
Tipo di azione: Research and Innovation action RIA.
Scadenza:
20 April 2022 17:00:00 Brussels time
Ulteriori informazioni:
wp-5-culture-creativity-and-inclusive-society_horizon-2021-2022_en.pdf (europa.eu)
Per scaricare questo bando, in formato pdf, clicca qui.

 

 

 

Servizio offerto da Mario Furore, deputato al Parlamento europeo, membro non iscritto.
disclaimer:
Le opinioni espresse sono di responsabilità esclusiva dell’autore o degli autori e non riflettono necessariamente la posizione ufficiale del Parlamento europeo.

0%

Furore Mascotte #ineuropaconfurore

© 2020 Mario Furore - Privacy & Cookie Policy |
Design by Gianluca di Santo